Menu

Petrolio

3910 signatures 6,090 needed

Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Al Presidente della Giunta Regionale di Basilicata

Visto che:

- nel sottosuolo della Regione Basilicata esiste il “giacimento petrolifero più grande dell’ Europa continentale”, dove, da decenni, vengono estratti, quotidianamente, 90mila barili di petrolio in Val D’Agri dall’ENI; e, a breve, 50mila barili al giorno dalla TOTAL, nella Valle del Sauro;

- le compensazioni per quantità di idrocarburi estratti, dette royalties, oggi stabilite al 10% del loro valore, essendo così irrisorie, scatenano un accanimento da parte delle compagnie petrolifere a danno dell’ambiente e della salute delle popolazioni;

- le royalties al 10% non producono sviluppo economico e non riescono a bloccare la “caduta dei redditi” e la massiccia emigrazione;
- non esiste un sistema trasparente e al di sopra delle parti di conteggio delle quantità di idrocarburi estratte;
- la riforma in vigore del titolo V della Costituzione Italiana viene violata da una esclusiva “decisionalità” del Ministero dello Sviluppo Economico in sede di attribuzione dei permessi di ricerca di idrocarburi che non prevede alcun parere delle stesse autorità regionali;

- nell’area delle estrazioni sono aumentate in maniera esponenziale le malattie;

- l’area interessata dalle estrazioni è ricca di sorgenti idriche che alimentano le dighe del Pertusillo e di Monte Cotugno, le cui acque sono utilizzate anche a scopi idrici;


i cittadini firmatari CHIEDONO:

1. il blocco di qualsiasi nuovo permesso di ricerca e il divieto della realizzazione di nuovi pozzi petroliferi.

2. La nascita, come stabilito dagli accordi stipulati tra l’Eni e la Regione Basilicata, dell’Osservatorio Ambientale all’interno del quale possano essere rilevati e studiati i danni alla salute delle persone, degli animali e dell’ambiente con la finalità di prevenire l’insorgere di malattie e danni ambientali; si chiede inoltre il completamento del "registro tumorale di Basilicata";

3. La nascita di un Piano di Emergenza e di Evacuazione nel caso di fuoriuscita inaspettata di cospicue quantità di idrogeno solforato o petrolio, o di incidenti similari;

4. La “ricontrattazione delle royalties” sulla base media riconosciuta ai principali paesi produttori, ed in ogni caso non inferiore al 50% del valore dell’estratto, con il controllo delle quantità estratte affidato agli enti territoriali. In questo modo il popolo lucano da “affittuario passivo” diventerà “responsabile dello sfruttamento delle proprie risorse”.



Firma la petizione

Sign petition

6,090 needed
Sign petition

Signatures

3910 signatures
  • Morena

    Potenza, Italy

    Resistenza.

  • Giancarlo

    Salerno, Italy

  • Name not displayed

    Atella, Italy

    BLOCCO TOTALE

  • Domenico di fazio

    Atella(pz), Italy

  • Rosetta

    Viggianello , Italy

  • Isoldi Stella

    Atella pz, Italy

  • Matteo

    Castelluccio Inferiore , Italy

  • Francesco Isoldi

    Castelluccio Inferiore , Italy

    BLOCCO TOTALE

  • Carla Isoldi

    Castelluccio Inferiore , Italy

  • Carla Isoldi

    Castelluccio Inferiore , Italy

Image gallery

0

Sedi e Social

SEDE LEGALE

Corso Garibaldi, 103
85040 Rivello (PZ)

SEDE OPERATIVA

Centro Banxhurna
85030 San Paolo Albanese (PZ)

SOCIAL

Contatti

Direzione Artistica
Ulderico Pesce: +39.331.42.16.529
 
Direzione Organizzativa e Amministrativa
Nicoletta Pangaro: +39.345.35.58.969
 
Comunicazione
Nicola Ferrari: +39.320.94.35.130

Log In

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?